CIRCOLO DIDATTICO DE AMICIS SAN SEVERO Infanzia Primaria
Autovalutazione dIstituto

Autovalutazione d'Istituto

Autovalutazione d’Istituto a.s. 2019/20   Anche quest’anno il sistema di autovalutazione vede la nostra Scuola impegnata nel processo di autovalutazione al fine di reperire informazioni utili al miglioramento del servizio e al processo di autovalutazione, a tal fine, ti chiediamo di esprimere le tue opinioni, compilando il presente questionario. Il questionario è anonimo e le informazioni saranno utilizzate nel massimo rispetto della privacy e analizzate solo in forma aggregata, quindi come statistiche (percentuali, medie, ecc.). Infatti le risposte sono completamente riservate e coperte dal segreto statistico (ai sensi del decreto n. 196/2003 "Codice in materia di protezione dei dati personali"). Ti chiediamo di indicare una sola risposta per ciascuna delle affermazioni riportate di seguito in base al tuo livello di accordo con le stesse   - QUESTIONARIO AUTOVALUTAZIONE D'ISTITUTO - DOCENTI  - QUESTIONARIO AUTOVALUTAZIONE D'ISTITUTO - ATA - QUESTIONARIO AUTOVALUTAZIONE D'ISTITUTO - GENITORI SCUOLA PRIMARIA - QUESTIONARIO AUTOVALUTAZIONE D'ISTITUTO - ALUNNI SCUOLA PRIMARIA CLASSI 5^ - QUESTIONARIO AUTOVALUTAZIONE D'ISTITUTO - GENITORI ALUNNI DI 5 ANNI DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA  

Didattica a distanza

Didattica a distanza

QUESTIONARIO MONITORAGGIO D.A.D. - DOCENTI QUESTIONARIO MONITORAGGIO D.A.D. - GENITORI     La scuola, secondo quanto previsto dal DPCM  4 marzo 2020 art 1 lettera g, “I dirigenti scolastci  attivano, per tutta la durata della sospensione delle attività didattiche nelle scuole, modalità a distanza avuto anche riguardo alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità”  ha predisposto un  sistema di didattica “a distanza”, per tutte le classi della scuola Primaria e per tutte le sezioni della scuola dell'Infanzia.    In particolare si attiveranno   tempestivamente, per  tutte le classi  “gruppi virtuali”  che i docenti utilizzeranno per  la prosecuzione  del lavoro didattico anche attraverso l’utilizzo del Registro Elettronico. La didattica a distanza richiede un notevole impegno da parte dei docenti a cui deve corrispondere altrettanto impegno da parte dei genitori e degli alunni. Pertanto saranno fornite tempestivamente  indicazioni dettagliate tramite il sito della scuola e attraverso contatti diretti  dei docenti con i rappresentanti delle rispettive classi.    Il Dirigente Scolastico Dott.ssa Anna Maria Troiano          

Comunicazioni

Comunicazioni

 Tra le varie indicazioni in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 , l’art. 87 del D.L. 17 marzo 2020, n. 18 #CuraItalia (G.U. 17 marzo 2020, n. 70), preceduto dalla Direttiva del Ministro della Funzione Pubblica 12 marzo 2020, n. 2, ha stabilito che “Fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-2019, ovvero fino ad una data antecedente stabilita con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri su proposta del Ministro per la Pubblica Amministrazione, il lavoro agile è la modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa nelle pubbliche amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165”. Fanno eccezione le attività indifferibili e che richiedono necessariamente la presenza sul luogo di lavoro, anche in ragione della gestione dell’emergenza. Tranne situazioni particolari, quindi, il legislatore ha introdotto l’obbligo generalizzato del ricorso allo smart working nella Pubblica Amministrazione per tutto il periodo della emergenza Coronavirus. I Il lavoro agile costituisce quindi, a decorrere dal 17 marzo 2020, la modalità ordinaria di svolgimento della prestazione lavorativa dei dipendenti pubblici, cui tutte le P.A. devono adeguarsi immediatamente. Pertanto, tutta l’attività amministrativa di questa Istituzione scolastica sarà svolta “ a distanza”, ad eccezione delle situazioni indifferibili, di volta in volta individuate dal dirigente scolastico, che richiederanno attività “in presenza” con il supporto del personale docente (ove necessario), personale amministrativo (in relazione ai specifici compiti assegnati) e collaboratori scolastici, secondo il criterio di rotazione, sulla base di una turnazione stabilita dal DSGA. La Dirigente Scolastica Dott.ssa Anna Maria Troiano     Decalogo comportamenti da seguire(leggi) NUOVO CORONAVIRUS (Informazioni utili per le Istituzioni scolastiche-MIUR)(leggi)


Formazione

Formazione

La formazione costituisce uno strumento fondamentale per lo sviluppo professionale dei docenti e del personale non docente, per il necessario sostegno agli obiettivi di miglioramento e per un’efficace politica delle risorse umane. La legge 107/2015 definisce la formazione degli insegnanti “obbligatoria, permanente, strutturale e come parte integrante della funzione docente”. Ai singoli insegnanti spetta quindi, nel proprio codice di comportamento professionale, la cura della propria formazione come scelta personale prima che come obbligo.  Secondo il recente Piano di Formazione del Miur, ogni docente avrà un portfolio digitale sulla piattaforma S.O.F.I.A. che raccoglierà esperienze professionali, qualifiche, attività di ricerca e pubblicazioni, storia formativa. Il portfolio personale del docente conterrà automaticamente il Curriculum Vitae di ogni docente (integrabile in ogni momento).  Le proposte di formazione ed aggiornamento che saranno attuate nel triennio terranno conto degli obblighi di legge; di quanto emerso dal rapporto di autovalutazione (RAV) e previsto dal piano di miglioramento (PDM); dei bisogni formativi espressi dai docenti, di quanto deliberato nel collegio; dell’Atto d’Indirizzo del Dirigente Scolastico; dei bisogni formativi degli alunni e delle risorse disponibili.   I nuovi scenari educativi impongono alla scuola di ripensare al proprio modo di procedere, gli apprendimenti acquisiti nelle diverse discipline vanno messi in relazione tra loro per un più globale processo di crescita individuale. Questo richiede una professionalità docente che si rinnova continuamente. La formazione, pertanto, sarà finalizzata alla costruzione di una nuova progettazione curricolare che consenta una pianificazione dell’offerta didattica e degli ambienti d’apprendimento innovativa. Nelle sperimentazioni verrà privilegiata una didattica laboratoriale per acquisire conoscenze ed abilità attraverso l’esperienza, per permettere agli allievi di imparare a collaborare e interagire tra loro in modo da sviluppare atteggiamenti partecipativi, collaborativi, creativi ed empatici come richiesto dalle linee guida del Piano Nazionale. 

Sportello di ascolto

Sportello di ascolto

Lo sportello è uno spazio scolastico accogliente e flessibile, dove genitori, docenti e tutto il personale scolastico possono esprimere le proprie difficoltà e i propri vissuti in assoluta privacy, sia rispetto alle modalità, sia rispetto ai contenuti dei colloqui. Si tratta di uno spazio di scambio e di supporto finalizzato alla promozione del benessere di tutti gli utenti della scuola, al confronto sulle dinamiche educative e alla relazione di aiuto al minore. Questo servizio sarà un’occasione: – di ascolto – di accoglienza e di accettazione – di sostegno alla crescita – di orientamento – di informazione – di supporto strategico per le difficoltà scolastiche.   Orario ricevimento Lunedì dalle ore  10.30 alle ore 11.30 Giovedì dalle ore 16.30 alle 19.00 Martedì dalle ore 18.30 alle ore 19.30 previo appuntamento Ins. Referente Dott.ssa Mennella Maria Grazia

Il Maggio dei Libri

Il Maggio dei Libri

Ritorna l’appuntamento con la  campagna nazionale "IL MAGGIO DEI LIBRI",nata con l'obiettivo di sottolineare il valore sociale e civile dei libri quale elemento chiave della crescita personale, culturale e civile. Quest’anno inizia il 23 Aprile e in via eccezionale termina il 31 ottobre. Il tema istituzionale di questa edizione  è "SE LEGGO SCOPRO".  La creatività va on line! Parteciperemo  con "Eventi web", grazie alle tante iniziative intraprese con la didattica a distanza:  e-book  e filmati con filastrocche  e racconti elaborati dagli alunni, letture di racconti di vari autori, in particolare di Gianni Rodari  e di storie  inventate dai nostri piccoli scrittori che liberano la loro fantasia creando storie e interpretandole  con forme e disegni originali. La passione e l’impegno di insegnanti e alunni renderanno  Il Maggio dei Libri ancora più coinvolgente


BES

BES

Direttiva relativa ai Bisogni Educativi Speciali

Rassegna Stampa

Rassegna Stampa

La rassegna stampa della scuola



Organi Collegiali

Organi Collegiali

Gli organismi a carattere collegiale sono previsti a vari livelli della scuola. I componenti degli organi collegiali vengono eletti dai componenti della categoria di appartenenza; i genitori che fanno parte di organismi collegiali sono, pertanto, eletti da altri genitori.  La funzione degli organi collegiali è diversa a seconda dei livelli di collocazione: è consultiva e propositiva a livello di base (consigli di classe e interclasse), è deliberativa ai livelli superiori (consigli di circolo/istituto). ASSEMBLEA DEI GENITORI I genitori hanno diritto di riunirsi in assemblea tra di loro per discutere di problemi che riguardino aspetti di carattere generale della scuola o delle classi frequentante dai propri figli.  Le assemblee possono essere di singole classi o di istituto. Hanno titolo a convocare l'assemblea dei genitori i rappresentanti di classe eletti nei consigli di classe, dandone preventiva informazione al dirigente (con indicazione specifica degli argomenti da trattare) e chiedendo l'uso dei locali scolastici. Alle assemblee possono partecipare con diritto di parola il dirigente e i docenti della classe. Le assemblee dei genitori possono anche essere convocate dai docenti della classe (articolo 15  del  Decreto Legislativo 297 del 16 aprile 1994 e successive modifiche). CONSIGLI DI CLASSE I genitori possono far parte, se eletti, dei consigli di classe (consigli di interclasse nella scuola primaria e di intersezione nella scuola dell'infanzia).  Tutti i genitori (padre e madre) hanno diritto di voto per eleggere loro rappresentanti in questi organismi. È diritto di ogni genitore proporsi per essere eletto. L'elezione nei consigli di classe si svolge annualmente entro il 31 ottobre, con procedure semplificate. Il consiglio di classe si occupa dell'andamento generale della classe, formula proposte al dirigente scolastico per il miglioramento dell'attività, si esprime su eventuali progetti di sperimentazione, presenta proposte per un efficace rapporto scuola-famiglia (articolo 5 del  Decreto Legislativo 297 del 16 aprile 1994  e successive modifiche). CONSIGLI DI CIRCOLO/ISTITUTO  Il Consiglio di istituto è l’organo di indirizzo e di gestione degli aspetti economici e organizzativi generali della scuola. Rappresenta tutte le componenti dell’Istituto (docenti, studenti per le sole scuole secondarie di secondo grado, genitori e personale non docente) con un numero di rappresentanti variabile a seconda delle dimensioni della scuola. Tutti i genitori (padre e madre) hanno diritto di voto per eleggere loro rappresentanti in questi organismi ed è diritto di ogni genitore proporsi per essere eletto. Le elezioni per il il rinnovo dei consigli di circolo/istituto si svolgono ogni triennio, oppure quando non sono presenti tutte le componenti (articolo 8 del  Decreto Legislativo 297 del 16 aprile 1994 e successive modifiche).  

PON 20182019

PON 2018/2019

Documentazione PON

MAD

MAD


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.